Gli strumenti per monitorare il posizionamento sui motori di ricerca

monitorare posizionamento sito web

Ranking sui motori di ricerca, questo agognato. Uno dei bisogni principali di chi si occupa di SEO, web marketing (e molto spesso dei clienti) è quello di capire come verificare il posizionamento del proprio sito su Google, così come su altri motori di ricerca.

Valutare il ranking: cosa, come, dove

Quando si parla di posizionamento bisogna sempre partire da zero e valutare bene cosa vuoi monitorare. Devi tenere sotto controllo le prestazioni di un sito, di un video che hai pubblicato e dovrebbe essere funzionale alla promozione del tuo business, oppure della scheda Google My Business della tua attività? Sulla base di ciò che devi tracciare, naturalmente, varia anche la modalità con cui farlo: pensa ad esempio alla possibilità di valutare le metriche in base al dispositivo utilizzato dall’utente (desktop o mobile) oppure nelle ricerche locali, per fare degli esempi. Ancora, dovrai chiederti dove vuoi effettuare il monitoraggio, se su Google o altri motori di ricerca, oppure su Youtube, Facebook, Instagram. Tutto dipende da ciò che devi monitorare.

Potresti pensare che sia più che sufficiente utilizzare il tuo browser per monitorare il posizionamento del tuo sito sui motori di ricerca: si tratta di una valutazione sbagliata, perché cookies, cronologia, tipo di dispositivo, posizione geografica e preferenze personali possono influenzare e non poco le ricerche. Tradotto: quando cerchi il tuo sito su un motore di ricerca (e magari sei anche loggato su Search Console!) risulterai sempre tra le prime posizioni sui motori di ricerca. Per questo motivo, verifica il posizionamento del tuo sito su Google con un tool professionale! (o meglio, fallo fare a chi ne ha la giusta competenza). Solo così potrai avere la certezza di avere per le mani un dato attendibile e vedere come appari, sul web, agli occhi di chi effettua una ricerca in prossimità della tua attività o del tuo negozio. Quello di cui hai bisogno sono numeri e metriche certe e verificate.

Posizionamento sui motori di ricerca: quali strumenti usare

Si tratta, quella di controllare il ranking nei motori di ricerca, di una pratica necessaria, se non indispensabile per impostare un piano di marketing coerente e sensato, che permetta davvero di raggiungere i risultati che ci siamo prefissati per il nostro business. È qui, quindi, che per avere dei risultati che siano univoci e corrispondenti alla realtà, è importante affidarsi a dei tool online che ci diano risposte. Capire quali strategie funzionano e quali non portano a nulla è fondamentale, così come monitorare l’efficacia di nuove tecniche implementate nel nostro piano d’azione.

Come detto, quindi, avrai bisogno di strumenti per monitorare il posizionamento sui motori di ricerca. Completi e quindi a pagamento, specie se vuoi verificare il posizionamento in più motori di ricerca, la differenza di prestazione tra tra desktop e mobile, le ricerche locali, i video su YouTube.

Puoi utilizzare il nostro servizio con Dashboard, oppure affidarti ad uno dei tanti tool disponibili sul web. Ecco i più diffusi ed utilizzati dai professionisti.

SEMrush

Si tratta di un servizio all-in-one che offre soluzioni per SEO, PPC, contenuti di ricerca. In particolare, SEMrush permette di tenere traccia del ranking raggiunto per diverse parole chiave. Utile per valutare il posizionamento per dispositivi differenti e confrontare le prestazioni delle proprie keyword con quelle dei competitor. Propone diversi piani di abbonamento da 99,95 a 399,95 dollari.

SEM-Rush recensione

SE Ranking

Software SEO per agenzie e webmaster con statistiche su ottimizzazione per i motori di ricerca, PPC e competitor. Anche SE Ranking è una piattaforma tutto in uno, che permette di gestire differenti tipi di progetto a livelli e con budget differenti. Offre strumenti per agenzie e professionisti, con piani a partire da 29 euro al mese (molto limitati) fino a 139 euro.

SEranking recensione

MOZ

Storico software SEO che permette di monitorare e aumentare traffico, ranking e visibilità sui motori di ricerca. MOZ, tra le altre cose, ha sviluppato due metriche ancora oggi fondamentali per l’analisi delle prestazione del proprio sito: Domain e Page Authority (PA). Mette a disposizioni strumenti avanzati per capire il posizionamento delle nostre pagine nelle SERP (sia desktop che mobili). Dopo una prova gratuita, è possibile scegliere piani tra loro differenti per caratteristiche e costi (fino a 999 dollari al mese).

Moz recensione

Mangools

La soluzione per monitorare e cercare keyword, monitorare SERP e acquisire backlink. Mangools è un bundle completo che offre 5 strumenti SEO molto potenti e performanti: ricerca di parole chiave, analisi dei risultati dei motori di ricerca per le proprie keyword, tracciamento delle parole chiave, analisi dei backlink e analisi della concorrenza. È possibile scegliere tra tre piani mensili, a partire da quello base da 29,90 dollari a quello più avanzato e professionale da 79,90 dollari.

Mangools recensione

Ahrefs

Set di strumenti SEO per analizzare il tuo sito web, controllare backlink, esplorare parole chiave. Ahrefs permette di tenere traccia del posizionamento delle tue pagine web nel corso del tempo, su SERP nazionali di più di 170 stati, e confrontarlo con quello della tua diretta concorrenza. È possibile visualizzare, tra le altre cose, percentuale del traffico organico al tuo sito e posizione media nel corso del tempo. Propone piani differenti che vanno da 99 a 999 dollari al mese, dopo un free trial di 7 giorni.

hrefs recensione seo

SEOprofiler

SEO tool recente, che offre una serie di funzionalità per migliorare il posizionamento su Google e altri motori di ricerca. Con SEOprofiler, tra le altre cose, sarà possibile analizzare la concorrenza, gestire il profilo dei link al proprio sito e sfruttare uno strumento di ricerca di parole chiave. È previsto un periodo di prova gratuita; i piani vanno dallo standard a 69,95 euro al mese a quello “enterprise” a 999,95 euro al mese.

seo profile recensione prodotto

Ubersuggest

Si tratta di un tool online molto sfruttato dai copywriter e web content editor per generare nuove idee per parole chiave da utilizzare nei contenuti del proprio sito web. Ubersuggest è un software freemium di proprietà del marketer statunitense Neil Patel, con il quale è possibile analizzare il proprio dominio e quello della diretta concorrenza. È possibile fruire di tool gratuiti e 7 giorni di prova per ciascun piano in abbonamento, il cui costo varia dai 29 ai 99 euro al mese.

Nightwatch

Nightwatch è un software online che fornisce un set di funzioni per analizzare il ranking del proprio sito web, monitorare la costruzione del proprio profilo di backlink e avviare degli Audit SEO. È possibile sfruttare un periodo di prova per ciascuno dei tre piani in abbonamento proposti, che variano dai 24 dollari per il pacchetto “base” fino ai 221 dollari al mese per quello più avanzato, pensato per le agenzie e le aziende più strutturate.